PROGETTO: TEACH
Training pupils for Energy Analysis in sCHool buildings

OBIETTIVI
Teach è un progetto attuato nell’ambito del programma SAVE dell’Unione Europea il cui scopo è quello di promuovere una metodologia di analisi energetica degli edifici scolastici, condivisa con gli studenti europei.
I destinatari del progetto sono, in primo luogo, gli studenti delle scuole superiori, i quali devono essere sensibilizzati ed indirizzati verso le politiche di risparmio energetico ed, in secondo luogo, le amministrazioni pubbliche in quanto responsabili della gestione del patrimonio scolastico. Inoltre proprio alle amministrazioni pubbliche è rivolto lo strumento di analisi energetica degli edifici elaborato nell’ambito del progetto.
Il principio su cui si basa tutto il lavoro è quello di favorire un uso razionale delle fonti energetiche disponibili. Ciò si traduce nella ricerca di una valida metodologia per l’analisi energetica degli edifici scolastici, svolta direttamente dagli studenti.
Il cuore del progetto è quindi l’aspetto energetico sia in termini di miglioramento delle prestazioni degli edifici, innalzamento del comfort interno e risparmio delle risorse ambientali sia e soprattutto in termini di educazione degli alunni alle problematiche di energy – saving.
Infatti si è voluto che lo strumento fosse utilizzato non da tecnici specializzati o esperti del settore, ai quali sono chiari i concetti di comfort termico e le problematiche di energy – saving, ma dagli stessi studenti delle scuole.
Grazie al lavoro svolto nell’ambito del progetto e grazie agli approfondimenti preparati dai tutors, gli studenti delle scuole in esame hanno potuto maturare una nuova coscienza energetica. Quest’esperienza ha consentito loro di osservare con occhi diversi la realtà che li circonda e comprendere il perché di certi effetti che essi stessi subiscono quotidianamente. Inoltre gli è stata insegnata l’importanza del risparmio energetico e quindi la necessità di ridurre gli sprechi, anche piccoli, che spesso vengono causati per semplice disattenzione.
Infine gli allievi hanno appreso dapprima le cause dei consumi errati e successivamente gli interventi piccoli e grandi che è possibile attuare.

Le tappe fondamentali del progetto sono state le seguenti:

  • Presentazione degli obiettivi e della metodologia
  • Presentazione dei questionari ed educazione ai concetti indispensabili per la loro compilazione (in particolare per il test analitico)
  • Forum di discussione circa i risultati ottenuti, le difficoltà incontrate, le eventuali migliorie da apportare alla metodologia utilizzata
  • Meeting di incontro e confronto fra i partners
  • Creazione di un CD e del sito internet per la diffusione e la ripetibilità del lavoro
  • Presentazione del progetto nelle rispettive realtà territoriali

Dall’analisi svolta è emerso che in tutti gli edifici la gestione non è ottimale perché esistono sprechi più o meno rilevanti. Sono quindi stati individuati tutti i possibili interventi migliorativi (sostituzione degli infissi, sostituzione di macchinari obsoleti, razionalizzazione dei consumi, uso dell’illuminazione naturale ecc.) e sono stati ipotizzati anche cambiamenti radicali in direzione delle energie alternative (uso dell’energia solare per il riscaldamento o degli impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica).

RISULTATI
I benefici del progetto Teach sono legati alla sua diffusione in tutto il territorio europeo.
A tale scopo sono stati realizzati sia un CD rom sia un sito internet in cui sono riportate tutte le attività svolte e i documenti elaborati nel corso delle stesse, oltre alla possibilità di contattare direttamente i partners del progetto.
Sia il sito che il cd-rom sono disponibili in lingua inglese e in lingua italiana.
Si è scelto di adottare questi due sistemi perché essi (in particolare il sito) attualmente risultano essere i mezzi di diffusione più potenti.

In sintesi, il progetto Teach si è concluso con successo.
Infatti il lavoro svolto potrà contribuire in maniera significativa al miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici scolastici negli stati membri dell’Unione Europea.
Per il buon esito del progetto è risultata fondamentale la stretta collaborazione che si è creata fra i partners, provenienti da tre diversi paesi europei (Austria, Irlanda e Italia).
Quest’esperienza ha infatti permesso di stringere rapporti che potranno continuare in futuro con nuove iniziative nell’ambito delle direttive dell’Unione Europea.

Va poi sottolineato che il merito del risultato ottenuto spetta anche ai tutors e agli studenti delle scuole che si sono impegnati a fondo per il raggiungimento degli obiettivi preposti.
Coinvolgere studenti, docenti e Amministrazioni pubbliche è senz’altro un ottimo modo per penetrare nella società civile e coinvolgere la cittadinanza nelle iniziative di risparmio energetico.
In fondo il settore scolastico non è altro che un trampolino di lancio per suscitare nuovi interessi e nuove attività professionali in ambito energetico.
Ecco perché uno dei maggiori risultati ottenuti è stato l’interesse che si è riusciti a sollevare anche in altre scuole ed in altre realtà.
Ora il progetto Teach è a disposizione di tutti grazie al sito internet ed al cd – rom realizzati.
Di certo il lavoro svolto ha già contribuito a creare familiarità con la materia energetica e potrà implementare in maniera significativa il concetto di uso razionale dell’energia.